Diario di viaggio: Agnone per il rito del fuoco

Il nostro amico Andrea Campanelli e il suo Livingstone 5 tornano a far parlare di se e questa volta lo fanno portandoci alla scoperta della ‘Ndocciata, una manifestazione lucana legata alla tradizione contadina riconosciuta come “Patrimonio d’Italia per la Tradizione”. Una ricorrenza cristiana che si celebra nel mese di dicembre per il Ponte dell’Immacolata e in forma più intimistica anche la sera del 24 dicembre.

…le fiamme si diffondevano nel buio della sera illuminando il percorso dei contadini che si recavano in città per le feste natalizie. Scintille e lampi luminosi rappresentavano importanti segnali premunitori per i raccolti del nuovo anno…

Alla manifestazione, come da tradizione, prendono parte le contrade e i quartieri del paese Sant’Onofrio, Guastra, Colle Sente, San Quirico  Capammonde e Capaballe. Tra i figuranti circa 600 uomini, i portatori di torce, sfilano indossando abiti della tradizone contadina con sulle spalle le Ndocce (torce con struttura a ventaglio). Le vie di Agnone prendono nuova forma e il paese viene “invaso” da una scia di fuoco.

Figuranti con abiti e prodotti della tradizione molisana aprono la processione, segue il rintocco delle campane della chiesa di Sant’Antonio che da il via all’accensione delle ‘Ndocce e partono i primi portatori con prima una torcia, a seguire due, tre, quattro fino ad arrivare al ventaglio di 24 per un peso di circa 180 kg ed un’altezza che sfiora i 4 metri. Infine le torce – ‘Ndocce vengono gettate nel Falò della Fratellanza che brucia simbolicamente quanto di negativo c’è stato durante l’anno.

Altre cose da fare e vedere

Lo sapevi che Agnone è famosa anche per la Fonderia Marinelli? Una fonderia artistica, risalente al Medioevo, che ha fuso le campane per i più grandi santuari e chiese del mondo e non solo. La proprietà ha reso possibile la visita allo stabilimento e nel 1999 ha inaugurato il Museo Marinelli (museo storico della campana).

Per i buon gustai visita con degustazine al Caseificio museo aziendale Di Nucci, dove è possibile acquistare prodotti locali di ottima qualità come: Caciocavallo di Agnone P.A.T. , i formaggi con pecorino lucano di Senise, formaggio con tartufo nero a scaglie e molto altro…


Dove sostare

Per la sosta la nuova area appena inaugurata vicino al cimitero in Via Ionata (coordinate: N -41.807300  E 14.379600). Andrea ci dice che è stata realizzata:

grazie alla collaborazione di Basilisco Pasquale, presidente del camping club Universo e del giovane sindaco Lorenzo Marcovecchio.

Ricorda che il bello di un viaggio è poterlo raccontare…
Se anche tu, come Andrea, hai un itinerario da condividere scrivi a info@ilcamperista.it potresti essere il protagonista del prossimo diario di viaggio 🙂

 

Il Camperista
Scritto da
Il Camperista

2 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *